Specializzazioni

COS’È PRECISAMENTE LA NATUROPATIA?

Si parla spesso di medicine naturali, complementari, esoteriche, olistiche… forse c’è troppa confusione. È il momento opportuno per chiarire cos’è la naturopatia, quali sono le sue peculiarità e aree di competenza

Nel mare magnum delle varie discipline naturali, la naturopatia può costituire un punto fermo, saldamente radicato nella storia e nella comprovata efficacia. Si tratta di una serie di interventi e suggerimenti naturali diversi che convergono su pochi e semplici concetti di base. Facciamo allora il punto su cos’è la naturopatia.

Cos’è la naturopatia: storia

Protagonista della leggenda sulla nascita leggendaria della naturopatia è Vincent Priessnitz, contadino austriaco della prima metà del 1800. Osservando un cervo ferito che si “curava” immergendosi in un torrente, pensò che la stessa pratica salutare potesse essere applicata con ottimi risultati anche agli uomini.

Fu merito dell’abate Sebastian Kneipp, nella seconda metà dell’Ottocento il perfezionamento e la divulgazione in Germania  della pratica dell’idroterapia e delle cure naturali in generale. Benedict Lust, allievo di Kneipp, si trasferì negli Stati Uniti ove divulgò le conoscenze idroterapiche, e i consigli sullo stile di vita: è considerato il fondatore della naturopatia americana. Il termine “naturopatia” (in inglese Naturopathy) fu coniato nel 1895 dallo statunitense John Scheel, medico a New York come Nature’s Path (Sentiero della natura) dell’individuo.

La naturopatia è una disciplina (o meglio un insieme di discipline) riconosciuta dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che agisce favorendo la capacità innata dell’organismo di star bene, armonizzando naturalmente le funzioni corporee e normalizzando gli equilibri alterati da abitudini di vita scorrette, errata alimentazione, inquinamento, stress e ritmi frenetici cui più o meno siamo tutti siamo sottoposti.

Il principio di base della naturopatia è molto semplice: il corpo ha il potere di curarsi da sé, se solo gliene diamo la possibilità. Il lavoro del naturopata è quindi quello di aiutare l’organismo a mantenere questo potere e a stimolarlo quando è necessario.

La naturopatia valuta questa “capacità” vitale e aiuta il soggetto a conservarla o a ripristinarla in caso di squilibri e disfunzioni, utilizzando, in maniera integrata, differenti discipline e tecniche naturali.

La naturopatia, pertanto, pur non avendo come obiettivo la cura delle patologie, può risultare indirettamente terapeutica, poiché, mediante interventi di riequilibrio del terreno del soggetto, può favorire processi di guarigione.

Cos’è la naturopatia: concetti di base

Le leggi fondamentali in naturopatia sono poche ma ben chiare:

Primum non nocere : prima di tutto non far del male alle persone in nessun modo, ma fornire il sostegno più efficace con il minimo rischio;
Vis medicatrix naturae: promuovere l’auto-guarigione dell’organismo stimolando la forza vitale naturale;
Tolle causam: rimuovere le cause della malattia, piuttosto sopprimerne i sintomi.

Regole fondamentali in naturopatia sono: rispettare le leggi naturali che regolano il corpo umano; attenzione alla singola persona e non solo alla sua malattia; il riequilibrio energetico; l’alimentazione equilibrata e naturale; la disintossicazione dell’organismo dalle tossine fisiche ed emotive.

Cos’è la naturopatia: competenze

La naturopatia non entra in competizione con la medicina “ufficiale” ma anzi con essa collabora. La naturopatia non è finalizzata a fare diagnosi e terapia delle patologie specifiche ma a favorire ilbenessere e l’autoguarigione attraverso interventi di disintossicazione e riequilibrio.

Scopo della naturopatia è educare alla salute e contribuire al ripristino del benessere globale degli individui. La naturopatia non cura la malattia ma si propone di mantenere o ripristinare la salute “secondo natura” , di ricercare ed agire con interventi e rimedi naturali sulla vera origine e causa del malessere o disordine.

Il Naturopata, in particolare il naturopata , è la figura che aiuta ciascuno di noi a vivere meglio, in sintonia con se stesso secondo i principi della psicosomatica e della natura, in una prospettiva olistica che si rifà alla tradizione ma anche alle scoperte della fisica moderna.

Il Naturopata in ambito psicosomatico , ha acquisito competenze specifiche nei campi tradizionali della Naturopatia come la floriterapia, l’aromaterapia, la reflessologia Govindan, l’alimentazione naturale, lakinesiologia e i contributi più significativi delle nuove tecniche di prevenzione e benessere volte al ripristino delle risorse biologiche, come ad esempio il miglioramento delle risposte immunitarie attraverso oligoelementi e sali di Shuessler.

Ha acquisito inoltre, (e questa è la componente che contraddistingue un naturopata Riza), tecniche psicosomatiche come l’Autostima, la scoperta del proprio Talento, il Rilassamento, il Riequilibrio emozionale particolarmente indicate nell’assistenza dei disagi esistenziali per far emergere la potenzialità vitale, le capacità di autoguarigione dell’organismo e l’energia creativa, con il ripristino delle risorse psichiche.

I moderni studi neurofisiologici hanno infatti messo in luce che ogni nostro stato di coscienza è in grado di modificare, in positivo o in negativo, il sistema limbico-ipotalamico dove il nostro corpo viene istante per istante ricreato e rigenerato.