Moxibustione

artemisia vulgaris-bijvoet-15

La moxibustione avviene bruciando sopra o in vicinanza della cute della polvere di artemisia (Artemisia vulgaris) al fine di ottenere una calorificazione della cute e, di riflesso, di strutture sottostanti e interne. L’artemisia è un vegetale che cresce in tutto il pianeta e viene colto per tradizione il 21 giugno, solstizio d’estate, sia per l’uso interno (Artemisia capillaris, Artemisia apiacea), sia per quello esterno (Artemisia vulgaris). Per l’uso esterno questo vegetale viene lavorato in modo tale che al termine rimanga della polvere lanugginosa da impiegare per l’effettuazione della moxibustione.

MOXA1(3)Questa può essere eseguita utilizzando la semplice polvere manipolata per confezionare dei piccoli coni, oppure viene impiegata confezionata in lunghi sigari. Nel caso che si usasse della moxa non confezionata, questa viene appoggiata alla cute del paziente o sopra sostanze di vario tipo, in modo da costruire coni di varia grandezza (cauterizzazione diretta). Quando il cono è stato opportunamente confezionato, se ne accende la sommità (accensione che non causa la comparsa della fiamma) e lo si lascia bruciare completamente, generando del calore molto intenso.

     Al termine rimane un forte eritema cutaneo. Nel caso, invece, che si intenda utilizzare la moxa confezionata in sigari, questa viene accesa ad una sommità del sigaro (accensione che non causa la comparsa della fiamma) e poi viene avvicinata alla cute per ottenere un riscaldamento per irraggiamento termico o conduzione. Il timore di ustioni sussiste solo se la moxa accesa tocca la cute, altrimenti si ottiene un eritema reattivo che indica il successo della pratica, in ogni caso l’eritema scompare nel giro di poche decine di minuti.

UT8821JXfJdXXagOFbXX 280px-A_Dose_of_Moxa

La cauterizzazione diretta, che prevede l’impiego di moxa non confezionata, può avvenire con il cono di Artemisia (preparato al momento) appoggiato direttamente sulla cute (evenienza che al termine della pratica lascia una ustione di 2º grado e la formazione di una flittena), tuttavia per le complicanze causate dalla sovrainfezione della flittena è una pratica in disuso anche in Cina, mentre è più indicata la cauterizzazione indiretta che prevede che il cono di artemisia, sia appoggiato su una fettina di zenzero, o di aglio, o di uno strato di sale o di porzioni di altre sostanze, al fine di determinare si un forte riscaldamento cutaneo, ma di evitare però la comparsa della flittena. In genere la cauterizzazione indiretta viene praticata in casi di una certa gravità, nei quali la presenza di Freddo abbia determinato la comparsa di stati collassiali e di forte astenia.

     Pratica maggiormente impiegata è quella del riscaldamento cutaneo ottenibile con l’uso dei sigari di moxa. Questa pratica avviene accendendo una estremità del sigaro di artemisia ed una volta accesa, viene avvicinata alla cute per determinarne il riscaldamento. La pratica può avvenire mantenendo fermo il sigaro in prossimità del punto prescelto, o effettuando dei movimenti circolatori o a becchettio sul medesimo punto. Nel caso che il sigaro venga mantenuto fermo, esso deve rimanere ad una distanza dalla cute di almeno 3 cm, altrimenti si può causare una ustione e questa tecnica va protratta per almeno 10 minuti, tuttavia se si esegue un movimento rotatorio, questo può avvenire ad una distanza minore ma per un tempo più lungo (20-30 minuti). Il becchettio è molto riscaldante e va effettuato con attenzione per non ledere la cute. L’artemisia irradia, quando è incandescente, un calore da 500 a 600° e uno spettro infrarosso

Moxibustione-per-curare-per-il-dolore-cronico art_moxa_def

     Infine esiste la possibilità di praticare la moxibustione impiegando contenitori per alloggiare frammenti di moxa. Questi contenitori detti moxatori (moxa boxes), sono a forma di cofanetto con il fondo provvisto di rete metallica fine e di coperchio per inserire la moxa. In genere sono di legno, ma ne esistono anche di metallici ed hanno misure che vanno dai 10–15 cm di larghezza ai 5–10 cm di lunghezza e 3–8 cm di altezza. All’interno di questi cofanetti vengono posti, al centro della reticella, uno o due frammenti di moxa grandi, più o meno, 3 centimetri per 3 centimetri i quali vengono poi accesi e lasciati bruciare lentamente a coperchio chiuso. Poiché la reticella si trova a 1–2 cm dalla cute, è pressoché impossibile l’ustione della medesima, tuttavia durante la fase centrale della combustione, il calore potrebbe essere molto intenso e la scatola può essere rimossa per pochi secondi. Date le dimensioni di queste scatoline, è possibile procedere alla moxibustione simultanea di più punti di agopuntura, specialmente sull’addome e sul dorso, dove i punti sono ravvicinati. Questa tecnica di moxibustione si addice a condizioni croniche, nelle quali vi sia forte insediamento del Freddo all’interno del corpo.

     Secondo i sostenitori di questa tecnica, un singolo trattamento di moxa dovrebbe trattare al massimo 6 punti. Il ritmo delle applicazioni è di uno ogni due giorno per arrivare ad una serie che va dai 10 ai 15 trattamenti. Dopo questa serie, se non si sono ottenuti benefici, si dovrà osservare un riposo terapeutico di almeno una settimana, prima di ricominciare. Tratto da Wikipedia.

taiji-150x150Il fuoco che guarisce, rigenera, allevia e ristora; il calore dolce e penetrante sprigionato da un’erba umile e comune, l’Artemisia, che si diffonde nel corpo riattivando e riequilibrando l’energia: ecco la Moxa, uno strumento terapeutico prezioso e versatile, spesso ingiustamente sottovalutato  in favore dell’Agopuntura, “punta di diamante” della medicina tradizionale cinese,  alla quale entrambi i metodi appartengono a pieno titolo: Agopuntura e Moxa infatti vanno sempre insieme, persino nel nome, in cinese non esiste la parola “Agopuntura” separata dalla parola “Moxa”. I principi che informano le due metodiche sono gli stessi: si ricerca il riequilibrio Yin-Yang dell’organismo attraverso l’azione su particolari punti posti lungo il percorso dei Meridiani energetici.

     Mentre l’Agopuntura richiede speciali competenze ed abilità manuali, semplici  metodi di Moxa si possono apprendere anche in tempi brevi ed applicare in casa,  su se stessi e i propri cari per curare una lunghissima serie di piccoli e grandi disturbi, tra i quali l’ipertensione, l’insonnia, i disturbi urinari, la stipsi,  i dolori mestruali, i dolori articolari… per i problemi di stomaco dei bambini, per rafforzare la difesa immunitaria, per tonificare e idratare la pelle del viso ed eliminare piccole macchie cutanee, per trattare dermatomicosi e verruche e persino per raddrizzare la posizione podalica del feto in gravidanza.

Allora vediamo un po’ più da vicino la storia e le caratteristiche di questa straordinaria risorsa della medicina naturale.

Le origini della terapia di Moxa si perdono nel tempo e sembrano provenire dalla Cina del Nord. La prima testimonianza scritta si trova nel  “Chun Qiu Zuo Chuan” (Annali di Primavere ed Autunni, note su Zuo- 581 a.C.). La parola “Moxa” ci viene dalla lingua giapponese, mentre in lingua cinese Moxa si dice “jiu” e si scrive:

L’ideogramma “jiu” è formato da due componenti, superiore e inferiore:

la componente inferiore significa “calore, fuoco”.

Quindi il significato letterale è “calore di lunga durata”: infatti il tempo di applicazione è piuttosto lungo e il materiale utilizzato consente una combustione lenta e prolungata; ma il significato implicito è anche quello di malattia “lunga”, nel senso che la terapia si adatta specialmente alla cura di patologie croniche e di vecchia data, e quello di effetto duraturo, persistente nel tempo.

La terapia di Moxa consiste nell’applicazione del calore prodotto dalla combustione dell’erba Artemisia a contatto o in prossimità degli agopunti dei Meridiani. Secondo la medicina tradizionale cinese, i meccanismi d’azione della Moxa si possono riassumere come segue:

news_1036-medicina_tradizionale_cinese

  1. riscaldamento dei Meridiani e dispersione del freddo, regolazione del Qi e del Sangue: cura i disturbi legati alla penetrazione del vento freddo, i dolori articolari causati dal freddo all’interno dei Meridiani che ne blocca la circolazione energetica;
  2. riscaldamento degli organi interni, dispersione del freddo e azione analgesica: cura le “sindromi di insufficienza Yang”, quando l’eccesso di freddo interno provoca stasi circolatoria e dolore;
  3. effetto antishock e rianimazione;
  4. forte tonificazione del Qi e dello Yang: per prolassi, ptosi, alcune forme di metrorragia;
  5. regolazione del “Qi ribelle”: per curare il vomito, la nausea, la tosse, corrispondenti a movimenti contrari dell’energia del Polmone e dello Stomaco;
  6. azione antiedematosa, cicatrizzante e disinfettante: per varie forme di ascessi cutanei
  7. azione preventiva e di rafforzamento della difesa immunitaria.

L’erba Artemisia (in cinese “Ai”) è utilizzata per la Moxa da millenni. Raccolte a giugno, quando sviluppano la caratteristica lanuggine, le foglie vengono essiccate e lavorate per confezionare piccoli coni o sigari; la combustione avviene senza fiamma e sviluppa un intenso calore da 500 a 600° a spettro infrarosso. Tra i vantaggi dell’Artemisia c’è anche quello di essere un’erba molto diffusa e poco costosa.

Esistono diverse forme di utilizzo dell’erba Artemisia,  le più importanti sono il sigaro, il cono e l’ago riscaldato.

1) Il sigaro di Moxa

8323-la-moxa 3869

Il sigaro di Moxa è lungo circa 20 cm, si compra in confezioni da 10 coni al costo di circa 5 euro. Le tecniche di applicazione del sigaro sono diverse: quella più comune consiste nell’accendere il sigaro a una estremità e avvicinarlo al punto da trattare, a una distanza di 2-3 cm. Il paziente deve avvertire il calore e quando questo diventa troppo intenso, deve avvisare il terapista che provvederà ad allontanare un po’ il sigaro dalla pelle, questa operazione si ripeterà per 3 – 5 minuti su ogni punto. Una volta finito il trattamento,  il sigaro si può spegnere bagnandolo leggermente in acqua oppure inserendolo in appositi “porta-sigari” metallici di forma circolare,  il sigaro si spegne per mancanza d’aria e può essere riutilizzato.

2) Il cono di Moxa

 moxibustion

Il cono di Moxa si confeziona manualmente a partire dall’erba essiccata che si trova in commercio. Può essere piccolo, medio o grande a seconda della parte del corpo sulla quale deve essere applicato.

1176347_403038589796456_1190965422_n

In pratica il cono si posiziona a diretto contatto con la pelle, si accende a una estremità e brucia finché il calore avvertito dal paziente non è troppo forte, a questo punto il paziente avvertirà il terapista che provvederà a togliere il cono e a sostituirlo con un altro. Di solito questa operazione si fa a mano, ma si possono anche usare delle pinzette.

La terapia può prevedere l’applicazione dai 5 coni in sù.  Questo metodo è meno consigliabile del sigaro per i principianti, perché una disattenzione può provocare piccole ustioni. Per correre meno rischi si può interporre un supporto tra la pelle e il cono di Moxa: le sostanze utilizzate come supporto sono moltissime, ma le principali sono zenzero, aglio e sale. Le qualità dell’erba penetrano in profondità unite al calore del fuoco, che ne  rafforza l’effetto terapeutico.

moxibustione(2)

Lo zenzero fresco si trova abbastanza facilmente nei mercati alimentari; secondo la fitoterapia cinese possiede una natura calda e un sapore piccante, ha azione riscaldante,  diaforetica, antiemetica e antitossigena. Per potenziare le sue azioni attraverso il calore sprigionato dalla Moxa, si taglia la radice fresca di zenzero a fettine da 3 a 5 mm; si bucherella poi con uno stecchino; si pone sul punto da trattare e vi si appoggia sopra il cono di Moxa. Quando il paziente lamenta il bruciore, si solleva e si riabbassa il tutto, questa operazione si ripete da 18 a 36 volte. Di solito per ogni punto si utilizzano 5 coni.  L’effetto riscaldante dello zenzero si aggiunge a quello della Moxa ed è indicato per trattare tutte le patologie dovute al freddo.

La stessa procedura si segue per l’applicazione della Moxa con aglio. L’aglio ha azione antiedematosa e antinfettiva, inoltre ammorbidisce e dissolve noduli e indurimenti; è indicato in molti casi di  irritazioni della pelle, purché non vi siano escoriazioni: punture di insetti, pustole, ascessi,  verruche; in generale tutti i gonfiori, come noduli mammari, cisti tendinee e  lipomi, sempre in assenza di escoriazioni.

moxa diretta sale

Il sale fino si usa solo sull’ombelico: si riempie l’ombelico di sale e vi si appone sopra il cono. Chiamato “la porta della vita”, l’ombelico si tratta per risvegliare da stati di shock e in generale per stati di estrema debolezza, diarrea acuta, vomito acuto, forti dolori addominali da freddo.

Altre sostanze utilizzabili sono teoricamente tutte le erbe cinesi, quindi estremamente varie e numerose. Alcuni esempi: la cipolla, utilizzata per stimolare la circolazione e disperdere il freddo; l’Aconitum Fuzi, forte tonico dello Yang; e molte altre.

3) L’ago riscaldato

untitled

Si riscalda l’ago bruciando una piccola porzione di sigaro di artemisia posta nel manico dell’ago. Esistono apposite confezioni di piccoli cilindri di artemisia atti a questo uso. Coloro che hanno avuto l’opportunità di visitare i reparti ospedalieri di Agopuntura in Cina, avranno notato la forte presenza della Moxa: questo metodo infatti è utilizzato ampiamente per trattare i dolori localizzati e i reumatismi.

     Come abbiamo visto da questo breve excursus la Moxa rappresenta una risorsa fondamentale della medicina tradizionale cinese e trova applicazione in una vasta gamma di patologie. È controindicata in caso di forti febbri e in generale nelle patologie dovute al Calore in eccesso. La Moxa sprigiona un acre odore, questo può risultare fastidioso specialmente se lo studio è arredato con ampi  tendaggi, che possono facilmente assorbirlo. Tuttavia bisogna considerare che il fumo di Moxa non è nocivo per le vie respiratorie e ha l’effetto di purificare l’ambiente e scacciare zanzare e insetti, si tratta quindi di un disagio minimo in paragone agli effetti benefici del  trattamento e in definitiva possiamo dire che in questo caso… il fumo vale la candela!

Indicazioni

Secondo i fautori di tale pratica, la moxibustione si addice al trattamento di tutte le patologie dominate dal Freddo e dall’Umidità, siano essi penetrati dall’esterno o presenti all’interno (deficit di YANG), nelle patologie croniche come la bronchite e l’asma, sia con presenza di Calore o di Freddo e nelle patologie contraddistinte da forte stasi di QI e Sangue, poiché:

  • velocizza la corrente energetica nei meridiani
  • disperde il Freddo e l’Umidità
  • armonizza il rapporto tra QI e Sangue
  • tonifica lo YANG
  • si oppone ed espelle le energie patogene mantenendo la salute.

Tuttavia non vi è alcuna prova scientifica a sostegno di queste teorie.

Controindicazioni

La pratica della moxibustione è tassativamente sconsigliata in caso di febbre a 40°, ma in genere non andrebbe applicata quando la temperatura corporea supera i 38°. Non è indicata nelle patologie dove vi sia evidente preponderanza di calore, su aree cutanee eritematose, o abrase, o ferite. Quindi non è indicata nelle forti ipertensioni arteriose con forte stasi di calore, nelle ansie con eccesso forte di calore, sulle aree cutanee psoriasiche o con lupus eritematoso, o con presenza di nervi sospetti o irritati. La moxibustione con cauterizzazione diretta è bene evitarla per il fortissimo dolore arrecato al paziente. Da evitare anche durante il ciclo mestruale. Per prudenza è bene non sottoporre trattamenti ai bambini di età inferiore ai 7 anni. Non esiste invece alcun limite massimo di età. Non è controindicata durante la gravidanza, ma in questo periodo è preferibile praticarla blandamente sul basso ventre e nella parte bassa della colonna vertebrale. Tratto da Wikipedia.